Subud Symbol

-----

Una prima introduzione a Subud

(da Roseanna Sawrey-Cookson)

-----

Benché si basi su di un'esperienza religiosa Subud non è una religione, né un insegnamento. È un riconoscimento del Potere Divino che compenetra e controlla l'intero universo, sia quello visibile con la vista ordinaria sia quello che non possiamo vedere; ed è anche l'esperienza di tale potere all'opera in ogni individuo. In Subud non vi sono dogmi, né credi né sacerdozio, né un capo, se non Dio Onnipotente. Al pari di come avviene nelle grandi religioni del mondo, i suoi membri credono che Dio non possa essere compreso dalla mente umana. Tutto ciò che è richiesto è che dovremmo, con pazienza e sincerità, sottomettere e abbandonare la nostra volontà alla Volontà Divina. Subud non è orientale né occidentale, ma è di tutta l'umanità, un'umanità unica di fronte a Dio; non è qualcosa di nuovo, perché tale esperienza – la Grazia Divina elargita agli esseri umani secondo la Sua Volontà – è antica quanto l'umanità, ma vi è qualcosa di nuovo in esso, poiché per la prima volta nella storia umana è stato reso cosí facile riceverla.

Dal punto di vista storico Subud cominciò intorno al 1925, allorché un giavanese di nome Muhammad Subuh Sumohadiwidjojo ricevette un inaspettato contatto con il Potere della Luce di Dio Onnipotente. Ciò avviò in lui un'intensa azione nell'anima per un periodo di tre anni al cui termine gli fu detto, in risposta alle sue preghiere, che tale dono poteva essere condiviso, che non era soltanto per lui, che l'avrebbe potuto trasmettere a chiunque lo avesse richiesto, benché non dovesse cercare le persone cui trasmetterlo ma attendere che esse venissero a chiederlo. All'inizio, solamente la sua famiglia e i vicini piú stretti ricevettero il contatto poi, a poco a poco, giunsero persone da altre parti dell'Indonesia, ricevettero il contatto e, a tempo debito, furono autorizzate da Pak Subuh a trasmetterlo ad altri.

Subud giunse in Occidente soltanto nel 1956. Il termine Subud fu utilizzato la prima volta nel 1947, da allora Subud si è diffuso in quasi tutti i Paesi del mondo. Non è pubblicizzato e, in genere, si diffonde tramite l'introduzione personale e l'esempio di vita. Ciò nonostante, diversi libri scritti in materia hanno suscitato l'interesse di lettori che in esso riconoscono qualcosa che, consciamente o in modo inconscio, hanno ricercato.

Pak Subuh – Pak o Bapak è la forma indonesiana con cui ci si rivolge a una persona di rispetto – ha compiuto molti viaggi fuori del proprio Paese negli anni successivi al 1957 e fino a non molto tempo fa, poco prima della sua morte avvenuta nel 1987. Nel 1957 lasciò l'Indonesia per la prima volta e si recò, per alcuni mesi, in Gran Bretagna invitato da un gruppo di persone che avevano ricevuto il contatto da un europeo vissuto per qualche anno in Indonesia. Diverse centinaia di persone entrarono in Subud durante quei mesi della seconda metà del 1957, alcuni provenienti da altri paesi europei, altri dall'Africa, dall'Australia e dagli Stati Uniti, i quali, a loro volta, invitarono Bapak a visitarli nei loro Paesi.

Pak Subuh non era né un maestro né un capo, era piú simile a una guida spirituale. Dava indicazioni, guida, esegesi e consigli. Come egli stesso disse piú volte, tutti gli insegnamenti necessari all'umanità già sono stati dati nelle grandi religioni del mondo. Subud non separa alcuno dalla propria religione, conferisce piuttosto a ciascuno la possibilità di vivere secondo quegli insegnamenti, purificandolo dalle impurità e rendendolo capace di divenire ciò per cui fu creato.

La trasmissione del contatto non dipese dalla presenza di Pak Subud, di fatto egli autorizzò molti uomini e donne – in ogni paese dove Subud era presente – ad agire come suoi helpers [aiutanti] e rappresentanti in queste e altre materie. Tali helpers non sono, di necessità, altamente sviluppati sul piano spirituale, benché alcuni di loro, dopo quaranta o cinquant'anni in Subud, possono avere raggiunto, in una certa misura, uno sviluppo elevato. Gli helpers sono scelti tra coloro che sono disponibili a svolgere tale funzione e che hanno sufficiente esperienza del latihan; all'inizio, essi erano nominati da Bapak, ma dopo la sua morte sono nominati da un gruppo di helpers che agiscono, per un determinato periodo, nella funzione di 'helpers internazionali'. Nessuno che non sia nominato in questo modo ha il diritto di svolgere tale funzione.

Il termine Subud non è in relazione con il nome di Pak Subuh, bensí è un'abbreviazione dei tre termini sanscriti Susila; Budhi e Dharma. In Subud, la traduzione di tali termini vale approssimativamente: Susila, il corretto vivere secondo la Volontà Divina; Budhi, la forza interiore insita nella natura dell'essere umano; Dharma la sottomissione al Potere Divino.

La base di Subud è il latihan, Latihan è un termine indonesiano dal significato all'incirca di addestramento o esercizio – o i loro equivalenti in altre lingue – e sono utilizzati talvolta come sinonimi. In genere, in italiano si preferisce usare il termine latihan poiché trattandosi di una parola poco conosciuta aiuta a eliminare confusioni e comparazioni che potrebbero sorgere con concetti o esperienze già familiari. Il latihan non può essere insegnato o imitato, giacché sorge interiormente di propria sponte dopo che si è ricevuto il contatto con il Potere Divino – contatto trasmesso da una persona in cui esso è già presente – e differisce per ognuno, secondo i propri bisogni. Non sorge dalla volontà o da alcuna azione umana, né dall'uso del cuore o della mente, ma semplicemente dalla Volontà e Grazia Divina. Nello stesso tempo, la volontà umana è libera d'intervenire in qualsiasi momento per fermare l'azione del latihan che continua soltanto fino a quando volontariamente ci si sottomette a esso.

Le persone autorizzate a trasmettere il contatto – gli helpers – non fanno alcunché per, o a, chi lo riceve; essi semplicemente fanno il proprio latihan insieme con il nuovo membro che è lí per riceverlo. Dopo di che, spontaneamente, lo stesso processo inizia in lui o in lei e continuerà da quel momento in poi ad agire in loro senza il bisogno di usare il cuore e la mente, o di un qualsiasi atto di volontà, oltre a quello del consenso iniziale. Tutto ciò che è richiesto, al momento del primo ricevere il contatto e in ogni successiva occasione in cui è praticato il latihan, è un'attitudine interiore di sincera sottomissione della propria volontà alla Volontà Divina.

Il latihan è praticato due volte la settimana insieme con gli altri membri del proprio sesso, e insieme con uno o piú helpers responsabili di stabilire il periodo di mezz'ora della sua durata. In genere, dopo alcuni mesi i membri sono pronti per aggiungere un'altra mezzo'ora di latihan fatto da soli, ma è loro vivamente consigliato di non eccedere tre latihan la settimana.

Le esperienze nel lathian sono diversissime, differenti per ciascuno, e per ognuno con tempi diversi. In genere, all'inizio esso assume la forma di movimenti fisici e di suoni. Questa è la normale manifestazione esteriore dell'azione del Potere Divino, simile al suono emesso da uno strumento musicale allorché è suonato da un'essere umano. Con il passare del tempo, spesso le esperienze diventano piú sottili e raffinate.

Cosí, il latihan è genuina adorazione di Dio per mezzo della sottomissione alla Sua Volontà, e la sua è un'azione di purificazione e di crescita interiore. Tutti abbiamo molte impurità, sia ereditate, sia acquisite con i nostri errori. Molto in noi deve essere messo in ordine, e tale correzione è attuata in un modo che noi non potremmo compiere da noi stessi. Nessun insegnamento, nessuna disciplina imposta e nessuna imitazione: soltanto il Potere Divino può penetrare in noi quel livello in cui tale lavoro deve essere svolto. Solamente Dio può conoscere ciò che è necessario per ciascuno di noi. Questa è la ragione per cui non v'è insegnamento da uomo a uomo in Subud, Dio è l'unico maestro.

Il processo di purificazione è graduale e procede secondo le necessità di ognuno, in accordo con la sua capacità di riceverlo e la volontà di accettarlo. Il potere che agisce nel latihan è infinitamente forte ma non forza alcuno contro la propria volontà. Il processo prosegue e si sviluppa secondo il grado di accettazione e di sottomissione della nostra volontà alla Volontà Divina. Inizia sul piano fisico – spesso ne può derivare anche un miglioramento della salute fisica – ma la sua azione non è prevedibile. Tutto ciò che si può dire è che ognuno riceve quello che per lui è davvero giusto e necessario, sempre che egli sottometta realmente la propria volontà con pazienza e sincerità. Il ritmo di avanzamento della purificazione varia per ognuno, non può essere accelerato o agevolato da alcun nostro sforzo, quello che possiamo fare è di accettare ciò che riceviamo ed evitare un comportamento sbagliato che potrebbe disfare il lavoro in corso dentro di noi.

Subud è per la vita interiore e per quella esteriore; per i singoli membri e per l'associazione nel suo complesso, quindi, oltre il latihan, esso si avvale di un'organizzazione (World Subud Association - WSA) per le cose mondane. Ogni centro Subud ha il proprio comitato e il proprio gruppo di helpers, e i due lavorano in stretto rapporto tra di loro, ciascuno nel proprio ambito ben definito. Nei Paesi in cui esiste un'organizzazione nazionale vi è un Comitato nazionale responsabile in quel Paese delle questioni organizzative. Tali responsabilità riguardano l'aspetto finanziario, il reperimento dei luoghi ove fare il latihan, l'organizzazione di attività caritatevoli o commerciali, laddove esistano, e simili. Gli helpers sono responsabili della trasmissione del contatto ai nuovi membri; di organizzare ed essere presenti ai latihan di gruppo; di fornire spiegazioni su Subud a coloro che le domandano; di rispondere alle domande dei membri in merito al latihan; di consigliare il comitato qualora richiesto; visitare e fare il latihan con i membri malati e cosí via. Né gli helpers né il comitato esercitano alcun potere, bensí assolvono le loro responsabilità e i loro doveri come mero servizio. Oltre le strutture organizzative locali – quando è necessario vi sono helpers e comitati regionali – vi è anche un gruppo di helpers internazionali che operano insieme con il Comitato Internazionale Subud (International Subud Committee - ISC). Tutti i membri che svolgono funzioni nelle strutture organizzative sono nominati per un limitato periodo di tempo, e non sono considerati superiori o speciali.

L'attività organizzativa di Subud è in parte finanziata da donazioni e da contributi volontari dei membri, ma l'intenzione di Pak Subuh era che gli introiti derivassero principalmente da donazioni delle imprese – individuali o collettive – dei membri. Il suo suggerimento era che i membri dovessero prendere in considerazione di donare il venticinque per cento dei loro profitti, naturalmente una volta detratte le tasse e un ragionevole importo per le spese di gestione. Ed è quanto sempre piú si sta facendo.

Oltre ad affrontare le spese dirette, l'organizzazione Subud si avvale anche di una propria struttura per le opere caritatevoli, la "Susila Dharma International", organizzazione non governativa (NGO) affiliata alle Nazioni Unite. L'organizzazione Subud, che non ha scopo di lucro, è registrata nella maggior parte dei Paesi come ente morale ed è quindi esente da tasse, in tal modo, tutte le donazioni possono essere utilizzate per scopi Subud.

Subud è aperto a chiunque abbia diciassette anni, a prescindere dalla razza, colore, religione, credo politico eccetera. A coloro che desiderano farne parte è, di norma, richiesto di attendere tre mesi dalla loro domanda e se al termine di tale periodo sono ancora della stessa idea possono, in genere, iniziare.

Molte migliaia di persone sono venute a Subud e alcune se ne sono andate. Si tratta di un dono dato in liberalità, ma ciò non lo rende, necessariamente, un cammino facile da seguire. La purificazione e la santificazione non sempre sono agevoli. Subud non pretende alcunché, in materia spirituale non vi sono obblighi, ma a coloro che si sentono attratti possiamo dire con semplicità: venite e provate da voi stessi.

Londra (Gran Bretagna) 1966 e Canberra (Australia) 1995.

-----

http://www.subud.com/italiano